Covid19

Divieto di voli extra Unione Europea esteso fino a fine mese

Il Governo ha esteso il divieto di voli da e verso paesi al di fuori dell’Unione Europea fino alla fine del mese, nell’ambito delle misure per contenere la diffusione del Covid-19, secondo un ordine pubblicato nel Diário da República. Il documento ufficiale, firmato dai ministri degli affari esteri, dalla difesa nazionale, dall’amministrazione interna, dalla sanità e dal segretario di Stato agli affari e alle comunicazioni, ha effetto dal 15 Giugno fino a fine mese.

L “estensione del divieto di traffico aereo da e verso il Portogallo per tutti i voli da e verso paesi che non fanno parte dell’Unione europea” (UE), consente eccezioni, come i paesi associati allo spazio Schengen (Liechtenstein, Norvegia, Islanda e Svizzera), i paesi di lingua portoghese, così come il Regno Unito, gli Stati Uniti d’America, il Venezuela, il Canada e il Sudafrica, data la presenza di importanti comunità portoghesi.

Per quanto riguarda i paesi di lingua portoghese, il documento garantisce che nel caso del Brasile saranno ammessi solo voli da e per San Paolo e Rio de Janeiro. Le regole contenute in questo ordine non si applicano anche ai voli diretti all’ingresso e alla partenza di cittadini dell’Unione Europea, di stati associati all’Area Schengen e di paesi terzi con residenza legale in uno Stato Membro dell’Unione Europea, nonché di persone di paesi terzi che viaggiano per motivi di studio.

Questo protocollo si applica ai voli commerciali, sono esclusi gli aeromobili statali e delle forze armate, gli aeromobili integrati nel dispositivo antincendio rurale, nonché i voli per il trasporto esclusivo di merci e posta o di natura umanitaria e di emergenza medica. 

Nonostante i progressi compiuti, il Governo mantiene l’estensione delle misure restrittive del traffico aereo, “tenendo conto degli orientamenti della Commissione europea dell’11 giugno 2020 sull’applicazione di restrizioni temporanee ai viaggi non essenziali verso l’UE, in un approccio comune coordinato di apertura delle frontiere extra UE e secondo l’evoluzione della situazione epidemiologica”.

Nel contesto della situazione epidemiologica causata dal virus SARS-CoV-2 e delle misure eccezionali adottate per far fronte alla pandemia del Covid-19, a marzo fu imposto il divieto fino al 17 aprile 2020 del traffico aereo da e verso il Portogallo per tutti i voli da e verso paesi al di fuori dell’Unione Europea, successivamente prorogato fino alle 00:00 del 15 giugno, tenendo conto della valutazione della situazione epidemiologica in Portogallo e dell’Unione Europea e delle misure proposte dalla Commissione Europea.

Leggi anche Coronavirus, in aereo no al distanziamento, si alla mascherina. È ufficiale!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *