Covid19

Cittadini Italiani in rientro dall’estero: come funziona?

Considerato l’aggravarsi della situazione epidemiologica in Europa, la Farnesina raccomanda a tutti i connazionali di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie. Considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi europei, non si possono escludere future ulteriori restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali rientri dall’estero. Analoghe problematiche di rimpatrio – scrive infatti il ministero – potrebbero verificarsi, con incidenza ben più grave, in caso di viaggi verso destinazioni extra-UE.

Prima di partire, all’indirizzo infocovid.viaggiaresicuri.it c’è un questionario interattivo dal valore puramente informativo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero. Verifica con la tua compagnia aerea e con il tuo tour operator/agenzia di viaggi l’operatività del tuo volo, le possibilità di rimborso, le rotte alternative.

Leggi anche:  Italia e Inghilterra hanno innescato i contagi in Portogallo

Si raccomanda di consultare sempre la Scheda del Paese di interesse su ViaggiareSicuri, per verificare eventuali restrizioni all’ingresso da parte delle Autorità locali. In caso di dubbi, per il rientro in Italia si raccomanda di contattare la Polizia di Frontiera, la Prefettura o l’Azienda Sanitaria competente per territorio. Per spostamenti dall’Italia all’estero, si raccomanda di consultare la Scheda Paese di interesse su ViaggiareSicuri. Prendere contatti anche con l’Ambasciata o il Consolato del Paese di interesse in Italia e di consultare il sito del Ministero degli Affari Esteri.

Covid-19: informazioni sui viaggi

Spostamenti da e per i Paesi dell’Unione Europea

L’ordinanza 2 aprile 2021 del Ministro della Salute, proroga fino al 30 aprile 2021, le limitazioni disposte dall’ordinanza 30 marzo 2021 per tutti coloro che hanno soggiornato o transitato nei quattordici giorni antecedenti all’ingresso in Italia in uno o più Stati e territori di cui all’Elenco C dell’Allegato 20.

Pertanto per chi rientra in Italia da un Paese dell’Elenco C è obbligatorio: 

  • sottoporsi a tampone (molecolare o antigenico) effettuato nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia e il cui risultato sia negativo
  • sottoporsi a prescindere dall’esito del test molecolare o antigenico di cui sopra, alla sorveglianza sanitaria e ad isolamento fiduciario per un periodo di cinque giorni
  • sottoporsi al termine dell’isolamento di cinque giorni ad un ulteriore test molecolare o antigenico
Leggi anche:  Coronavirus Portogallo, le ultime notizie

Queste disposizioni non si applicano a chi rientra nelle condizioni di deroga come previsto dall’articolo 51, comma 7, del Dpcm 2 marzo 2021.

Regole specifiche per il Brasile

Fino al 30 aprile 2021 sono vietati l’ingresso e il transito nel territorio italiano alle persone che nei quattordici giorni antecedenti abbiano soggiornato o transitato in Brasile (Ordinanza del Ministero della Salute del 13.02.2021).

Ulteriori disposizioni in materia di spostamento da/per l’estero sono state previste con l’ ordinanza 2 aprile 2021 e saranno in vigore dal 7 al 30 aprile 2021.

Il tuo contributo farà la differenza. LeggoAlgarve sei anche tu. Grazie per il supporto.

10 comments

  1. Esperienza di questi giorni …
    sabato 12 ho viaggiato in moto da Faro/Portogallo a Cordova/Spagna dove ho cenato e dormito, domenica 13 sono arrivato al porto di Barcellona dove mi sono imbarcato sul traghetto per Genova, dopo aver compilato un questionario in cui dichiaravo che non avevo soggiornato nei paesi a rischio secondo un elenco ben preciso … il giorno seguente sono sbarcato a genova dove non ho subito alcun controllo (solo del passaporto) … il martedì mi sono recato presso la Asl di competenza per fare il tampone, mi hanno dato un numero di telefono da chiamare, ho descritto la mia situazione e dopo un a breve attesa, mi è stato detto che non devo fare il tampone – FINE

  2. caro Arcangelo, prima di tutto ti saluto cordialmente. i controlli sanitari in Italia sono organizzati male. Per 2 volte sono stato in quarantena da viaggio e mai nessuno è venuto a controllare. Fare volontariamente un tampone è di solito un impresa. Qualcuno sa dirmi invece che succede se facciamo il percorso inverso dall’Itallia al Portogallo in auto? Segnalo inoltre per l’utilità di tutti che esistono dei buoni traghetti a costi neanche troppo elevati: Barcellona- Savona/Civitavecchia e viceversa (2 persone in cabina ed auto sui 169 euro a tratta con Grimaldi) o Barcellona – Genova/civitavecchia con grandi navi veloci ma costa di più. Segnalo anche che a Barcellona alla rotonda in uscita dal traghetto sono state segnalate diverse forature con offerta d’aiuto e furti. e non solo lì, quindi attenzione. esiste poi la possibiità di prolungare i traghetti di cui sopra fino a Tangeri med e di lì poi prendere un traghetto Balearia che in un ora e 30 al costo di un centinaio di euro per 2 persone ed auto vi porterà vicino a Gibilterra. ringrazio ancora Enrico Venti per la possibilità utilissima di scambiarci notizie. buonadomenica.

    1. Ciao Aladino, ti ringraziamo per aver condiviso la tua esperienza. Continua a leggerci sulla nostra rubrica per aggiornamenti costanti >>> Coronavirus Portogallo, le ultime notizie.

  3. Ho viaggiato il 28 ottobre, dal Portogallo fino a Barcellona, dove mi sono imbarcato per Civitavecchia. Al terminal Grimaldi ho consegnato un modulo con il quale dichiaravo di non essere affetto da Covid-19, e l’auto dichiarazione in base all’ultimo DPCM. Mi hanno misurato la temperatura. All’arrivo nessun controllo

  4. Sono arrivato il 29 ottobre a Civitavecchia. Oggi mi sono adoperato per fare il tampone, ma non c’è niente da fare. File interminabili presso i drive in, necessità di avere una prescrizione medica, spesso dematerializzata. Difficoltà anche per il vaccino antinfluenzale. Il. Consiglio é dinotovvedere direttamente in Portogallo

  5. Secondo quello che si legge sull’ultimo DPCM il tampone non è previsto così come la quarantena Verificare all’Art. 6 punto 8) lettera c)

  6. Devo rientrare in Italia, con la mia vettura, dal Portogallo dove ho la residenza, per raggiungere il mio domicilio .
    Non ho idea degli adempimenti obbligatori che necessitano per il rientro soggiornando una notte in Spagna.
    Qualcuno mi può aiutare ?

    1. Ciao Angelo, ti invitiamo alla lettura del nostro articolo “Cittadini Italiani in rientro dall’estero: come funziona?”, dove ci sono anche i riferimenti a cui poter chiedere maggiori informazioni per situazioni particolari come la tua. Grazie e continua leggerci.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *